State of American Business Address 2018 della US Chamber of Commerce

Mercoledì 10 gennaio Thomas J. Donohue (President and CEO della U.S. Chamber of Commerce) ha presentato l'annuale "State of American Business Address" nel corso del quale ha delineato l'agenda di

NEWS AMCHAM

Mercoledì 10 gennaio Thomas J. Donohue (President and CEO della U.S. Chamber of Commerce) ha presentato l'annuale "State of American Business Address" nel corso del quale ha delineato l'agenda di policy 2018 della principale business association americana. Partendo dall'assunto che l'economia americana è su binari positivi, Mr. Donohue ha sottolineato l'importanza di rafforzare questa direzione, visto che permangono alcuni rischi: educazione, commercio, occupazione, infrastrutture e fiscalità i temi principali affrontati. I messaggi più importanti riguardano l'apprezzamento per la riforma fiscale varata dall'Amministrazione, la necessità di investire in nuove infrastrutture (il piano da $ 1 trilione annunciato più volte), l'importanza di rivedere il NAFTA senza però uscirne, come la necessità di chiudere l'accordo commerciale con la Corea del Sud e costruire alleanze per portare la Cina su posizioni commerciali più "aperte", la necessità che il Congresso nel 2018 si concentri sulla questione della riforma degli "entitlements". Un programma ampio, che si arricchisce anche di una riflessione sulla questione occupazionale (la crescita economica dovrà essere più inclusiva e creare più opportunità di lavoro) nonché di una chiosa politica che delinea l'impegno per le elezioni del 2018 della US Chamber sin dalle primarie, a favore dei candidati pro-crescita e pro-business e contro gli ideologismi e le posizioni estreme (gli esempi portati sono Bannon per i repubblicani e la Sen. Warren per i democratici). Un discorso quello di Donohue che promuove le ultime misure dell'Amministrazione mettendola in guardia però per quanto riguarda le posizioni commerciali. Qui il discorso completo. Il 30 gennaio si svolgerà il discorso sullo Stato dell'Unione da parte del Presidente Trump.

Via Cesare Cantù 1 - 20123 Milano - Italia